Centro di iniziativa per l'Europa del Piemonte

I crimini razzisti sono un problema serio e crescente in tutta l'Ue

Le organizzazioni della società civile segnalano in tutta l'Ue un aumento dei crimini razzisti nel 2013, in particolare contro minoranze etniche nere e asiatiche, rom, ebrei e musulmani - o persone percepite come tali. È quanto emerge dall’ultimo Rapporto Ombra di ENAR (European Network Against Racism) sui crimini razzista in Europa, che copre 26 paesi europei. Un totale di 47.210 crimini razzisti sono stati ufficialmente registrati, ma questa è solo la punta dell’iceberg, dato che molti Stati membri dell'Unione europea non registrano né segnalano correttamente i crimini a sfondo razziale.

"Il crimine razzista è una delle peggiori conseguenze del razzismo, una minaccia per la vita delle persone sulla sola base della loro, reale o percepita, origine etnica o religione, e non dovrebbe restare impunito", ha detto la Presidente di ENAR Sarah Isal. "È necessaria una reale volontà politica per garantire una migliore segnalazione, registrazione e sanzione dei reati di matrice razzista. Gli Stati membri dell'UE devono intensificare i loro sforzi in questo settore".

 

Il Rapporto Ombra relativo al 2013 è stato presentato lo scorso 6 maggio.

 

Scarica (qui sotto) il comunicato stampa (in italiano) e i key-findings (in inglese).

 

Per maggiori informazioni, contatta l'ufficio stampa di ENAR:

Georgina Siklossy, Comunicazione e Ufficio Stampa

Tel: +32 (0) 2 229 35 70 - cell: +32 (0) 473 490 531 - E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Coltivare insieme il futuro dell’Europa per un mondo migliore

 

È questo titolo scelto dall’Unione Europea per la sua Partecipazione a Expo Milano 2015.

La UE mira a creare un ponte emotivo tra il Tema dell’Esposizione e il visitatore, cercando il suo impegno per la creazione di un’Europa e di un mondo sempre più sostenibile.

All'interno del padiglione, si spiegherà come nutrire il Pianeta significhi dotarsi di un mercato interno ben funzionante e di un sistema multilaterale di scambi commerciali, oltre a fissare standard igienico-sanitari per gli alimenti e favorire una logistica efficiente.

L’obiettivo sarà quello di dare al visitatore una maggiore consapevolezza dei risultati conseguiti dalla UE negli ultimi cinquant'anni e delle sfide principali che affronterà nei prossimi decenni sulle tematiche di Expo Milano 2015. Il padiglione presenterà una storia basata sui personaggi di Alex, un agricoltore, e Sylvia, una ricercatrice. Sarà la loro storia a far capire l’importanza della collaborazione tra tradizione ed innovazione, tra culture ed esperienze diverse, tra agricoltura, amore per l’ambiente e scienza.

Guarda il video

Oltre alle attività organizzate all'interno del suo padiglione, l'Unione europea promuoverà un dibattito dinamico e approfondito su come sfamare il mondo in maniera sana e sostenibile attraverso conferenze ed eventi dedicati al tema di Expo Milano 2015. Un ambizioso calendario con oltre 200 eventi esaminerà le sfide globali della sicurezza alimentare mediante iniziative scientifiche, politiche, "business to business" (B2B) e culturali.

L’Unione Europea attraverso un suo itinerario tematico dedicato coinvolgerà i padiglioni di tutti i Paesi membri incoraggiando i visitatori a raccogliere in ognuno di questi un differente oggetto (un seme, un token) fino a costituire una personale collezione, da assemblare nel padiglione dell’Unione Europea.

 

Foto







 

I nostri video

Articoli, news e approfondimenti

Sezione che raccoglie news, articoli e approfondimenti su Europa, integrazione e diritti

Progetti in corso

info :
Non è stata trovata nessuna voce di menù pubblicata per iCagenda!
MAGGIO 2015
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31